Google non riesce Appello: Case Copyright quotidiano belga accoglimento

A+ A-

La saga di cinque anni di Copiepresse v. Google continua. Il caso è stato nel contenzioso in Belgio dal circa 2006. La versione corta del retroscena è che è francese e di lingua tedesca giornali regionali (rappresentate da Copiepresse) citato in giudizio Google per violazione del copyright. Non tutti i giornali belgi sono coinvolti nella causa.

Copiepresse ha sostenuto che link ad articoli di giornale in Google News sono stati autorizzati e ferire i loro ricavi da traffico e degli annunci. Google ha sostenuto che le sue azioni erano legali in base al diritto d'autore e che in realtà è stato generare traffico ai giornali e così li beneficio. La capacità dei giornali di utilizzare robots.txt per evitare l'indicizzazione dei loro contenuti non vaccinare Google da responsabilità nel caso.

Google ha perso il caso a livello di “processo” ed è stato ordinato di rimuovere le immagini e link alle storie dei giornali da Google News e risultati di ricerca nella cache. C'erano anche ammende inflitte, pari a € 25.000 al giorno (o circa $ 35.800 al cambio odierno).

Google appello contro la decisione; c'era anche la speculazione diffusa nel momento in cui ci sarebbe stata una sorta di accordo tra le carte e Google. Ma questo accordo con i giornali non è mai venuto.

Google ha ormai perso il suo fascino in Copiepresse. A quanto pare Google ha ancora ricorso alla equivalente belga della Corte Suprema degli Stati Uniti. E 'interesse di Google per appellarsi alla corte alta e combattere la decisione perché ci potrebbero essere implicazioni a livello di UE sul diritto d'autore. Ma così facendo comporta rischi e potrebbe elevare ulteriormente il profilo della decisione se va nella direzione sbagliata per Google.

La maggior parte delle aziende vogliono il loro contenuto indicizzato da Google - che è in parte quello che i reclami antitrust in Europa sono circa: essere sufficientemente visibile su Google. Quindi è improbabile che Copiepresse alla fine danneggiare la capacità di Google di operare in Europa.

Tuttavia potrebbe complicare i rapporti di Google con alcuni tipi di proprietari del copyright (ad esempio, editori di riviste), se l'alta corte ha confermato la decisione ed ha cominciato a sanguinare oltre i confini del settore quotidiano belga.


Ads

Condividere