Che cosa da guardare per nel 2018: le previsioni mobile SEO

A+ A-

In chiusura 2017 e non vediamo l'ora al 2018, molti SEO sarà speculare su cosa aspettarsi nel corso dell'anno a venire. Dal momento che il mio obiettivo è mobile, volevo condividere le mie aspettative uniche per 2018 delineando quello che sappiamo e quello che abbiamo il sospetto sul fronte SEO mobile.

Lo scorso anno ha portato un sacco di cambiamenti per l'ecosistema mobile, anche se siamo ancora in attesa in attesa per il lancio della indice mobile-first di Google. C'è stato assicurato che lancerà a volte nel 2018, e speriamo che questo è vero.

Per questo articolo, ho intenzione di concentrarsi su alcune delle mie previsioni chiave per il 2018: la sfocatura delle linee tra app e web, la convergenza cross-device e la maggiore dipendenza schema di markup in HTML, JSON e basi di dati. Io poi legare tutte le tendenze insieme con la speculazione unico su cosa mobile prima indicizzazione sarà effettivamente e quali strategie si può iniziare a incorporare la società per creare un beneficio immediato di SEO.

Queste informazioni di base sulle tendenze mobili e le aspettative a lungo termine su Mobile-prima indicizzazione dovrebbe aiutare a dare la priorità e il piano per un più efficace 2018.

La sfocatura delle app linee / web

La tendenza più grande nel 2017 che continuerà a crescere nel 2018 è un movimento verso Progressive Web Apps, o PWA. Ci si può aspettare che siano una messa a fuoco ancora più grande nel 2018.

Proprio come un aggiornamento, Progressive Web Apps sono i siti web che consentono un guscio app e file di configurazione per essere scaricati su un telefono, che le consente di assumere tutte le migliori caratteristiche di un'applicazione nativa, vivendo sul web. Ricordate, “applicazioni web” sono fondamentalmente siti web solo per JavaScript pesanti che sembrano applicazioni native, in modo che li rende funzione di PWA solo comporta l'aggiunta di un paio di file in più e un po 'di più funzionalità.

La cosa grandiosa di PWA è che essi permettono un'icona dell'applicazione, visualizzazione a schermo intero senza una barra degli indirizzi, veloce funzionalità online e offline e le notifiche push. Essi sono un buon modo per aiutare le aziende a costruire un ponte tra la reperibilità del web e l'impegno e la soddisfazione che gli utenti l'esperienza con le applicazioni, il tutto riducendo al minimo sovraccarico. Possono essere usati direttamente sul web o installato come un'applicazione nativa su dispositivi Android (e dispositivi iOS presto, troppo). Ciò significa che c'è molto meno da mantenere, ottimizzare e promuovere, quindi sono incredibilmente attraente per le aziende esperti di tutte le dimensioni.

Le tendenze di sviluppo di app inizierà a spostarsi dalle applicazioni native e verso PWA come più le aziende cominciano a capire il valore che PWA in grado di fornire. Il sistema operativo Android ora tratta PWA quasi esattamente come applicazioni native, mostrando il loro consumo di risorse e specifiche nelle stesse identiche luoghi, la loro visualizzazione nella barra delle applicazioni, e presto, aggiungendoli al Google Play Store. Google ha anche iniziato a passare molte delle loro risorse Web specifiche di interesse in PWA, compreso il traffico, sport, ristoranti, meteo, Google Contribuire, Maps-Go e Meteo PWA.

Si può vedere questa tendenza in azione qui di seguito. La prima schermata mostra un risultato di ricerca web per il clima locale. La schermata successiva mostra lo stesso risultato di ricerca con una presentazione diversa e la possibilità di aggiungerlo alla schermata iniziale. La terza schermata mostra il dialogo in cui si accetta aggiunta dell'icona PWA alla schermata Home. L'immagine finale mostra tempo app nativa di Google e il suo clima PWA icone delle applicazioni fianco a fianco. Le due applicazioni fare la stessa cosa e hanno la stessa interfaccia esatto.

[Clicca per ingrandire.]

PWA sono anche importanti perché eliminano la necessità per le aziende di impostare link diretti dai loro siti web nelle loro applicazioni e viceversa - un processo che ha dimostrato complicato e talvolta impossibile per le grandi aziende che non dispongono di parità esatta tra loro app e sito web soddisfare. Google preferisce sempre di consigliare e premiare le opzioni meno soggette a errori, e nella nostra esperienza, profonda che collega alla vecchia maniera è molto soggetto ad errori. Ogni volta che qualcosa cambia in App o di contenuto si sposta sul sito web (individuale redirect 301 o una migrazione completa), l'indicizzazione delle app e deep linking è a rischio di fallire o di abbattere completamente.

E anche quando i profondi legami funzionano correttamente, i punti di contatto di riferimento e attribuzione può essere quasi impossibile da rintracciare senza l'assistenza dei servizi di terze parti. Questo è in netto contrasto con la semplicità di collegamento sul web. PWA sono applicazioni indipendenti che sono già indicizzate sul web, eliminando tutta quella complessità.

Se tutto ciò che accade nella applicazione della vostra azienda può essere raggiunto in un PWA, ha senso concentrare gli sforzi sulla PWA - soprattutto se l'azienda è alle prese con deep linking. Fino a quando il PWA è ben indicizzato e fornire una grande esperienza utente, Android legami profondi sarà irrilevante.

Dal momento che PWA saranno in Google Play con le applicazioni native, gli utenti Android probabilmente non saranno in grado di capire la differenza tra un app nativa e un PWA. Su Android, è importante notare che Google può eventualmente cambiare il modo in cui trattano i legami profondi quando un PWA è disponibile. Google può iniziare a preferire contenuti PWA su collegamenti profondi (soprattutto se l'applicazione non è installata), proprio come hanno fatto per i contenuti AMP.

Questo è meno di una preoccupazione per iOS, specialmente se deep linking sta avvenendo tramite link iOS universale piuttosto che qualsiasi implementazione Firebase. Dal link universali vengono eseguiti con il sistema operativo iOS, piuttosto che il browser, sembra probabile che iOS continuerà ad onorare universale collegamenti in applicazioni, anche se un PWA è disponibile.

Basta ricordare che, in entrambi i casi, se la PWA sta sostituendo il sito, i link diretti alle app dovranno combaciare con gli URL utilizzati nella PWA. Se la PWA è in aggiunta al sito principale, solo gli URL web che sono associati con gli URI app attiverà il link profondi.

Come Google inizia l'aggiunta di PWA a Google Play e l'indicizzazione sul web, questo potrebbe rendere più facile per esso per aggiungere loghi app per SERP sia per Android e iOS, migliorando l'aspetto, CTR e l'impegno dei link PWA. Indipendentemente da ciò, ci può essere ancora una spinta per tutti i link profondi app da spostare nel suo sistema Firebase, per aiutare Google a migliorare la sua cross-device, cross-OS di reporting e di attribuzione. A seconda di quanto velocemente Google è in grado di finire il lancio di indicizzazione mobile prima, questo è qualcosa che può essere una grande spinta per la società nella seconda metà del 2018.

Stiamo assistendo a cambiamenti simili su app store optimization (ASO) frontale. Il Google Play algoritmo è storicamente molto meno sofisticato rispetto l'algoritmo di ricerca di Google, ma i recenti cambiamenti del Google Play algoritmo di app mostrano un'attenzione molto più grande sulle prestazioni app, l'efficienza, l'impegno e recensioni e una relativa diminuzione l'importanza dei metadati app. Questo potrebbe essere considerato un segnale di un potenziale fusione imminente tra Google Play e SERP regolare, dal momento che sappiamo le prestazioni è un importante fattore di ranking lì. Quando PWA vengono aggiunti al Play Store di Google, le applicazioni Android native saranno in competizione contro PWA siti web in termini di prestazioni. Al contrario, questo probabilmente significa che PWA possono anche essere soggetti a fluttuazioni di classifica in base alle recensioni degli utenti e classificazione a stelle.

Anche se è meno evidente per il SEO, lo stesso può essere vero nel mondo di Apple della tecnologia. Storicamente, Apple era resistente a consentire il loro browser Safari per sostenere PWA, ma i recenti annunci fanno sembrare come se la prospettiva della società si è capovolto. Nel 2017, Apple ha finalmente messo in chiaro che avrebbe presto Safari supportare i file di servizio dei lavoratori che rendono PWA così utile, e proprio questo mese (dicembre 12, 2017), nel suo tentativo di eliminare l'uso di servizi di applicazione di templating, Apple apparentemente approvato PWA come una scelta migliore per le aziende con budget limitati di applicazioni native su modelli!

alcuno improvvisa ed enfatica di Apple di PWA è una forte indicazione che PWA saranno supportati nel prossimo aggiornamento di Safari. Può anche indicare che Apple ha sviluppato uno schema di monetizzare PWA. Apple potrebbe anche intenzione di aggiungendoli al suo App Store (dove possono esercitare più controllo editoriale su di loro). Questo è tutto ancora da vedere, naturalmente, ma sarà interessante.

convergenza cross-device

Il tema principale vicino ad aspettarsi nel 2018 è cross-device di convergenza. Poiché il numero e lo scopo di dispositivi collegati continua ad espandersi, mindsets dovranno anche espandersi per assumere una visione più ampia di ciò che significa essere “cross-device.” Storicamente, trasversale dispositivo potrebbe significare avere applicazioni e un sito web, o di avere un sito web responsive design che ha lavorato su tutti i dispositivi. Ma nel 2018, la gente comincerà a rendersi conto che questo non è sufficiente. Come la linea tra app e web si fonde sul cellulare, sarà anche fondersi sul desktop e Internet of Things (IoT).

Come più informazioni sposta nel cloud, sarà più facile spostare senza problemi da un dispositivo all'altro, mantenere lo stato, lo stato e la storia dell'interazione su tutti i dispositivi contemporaneamente. Il livello di presentazione semplicemente includere ganci in un'API grande. Gli sviluppatori saranno più focalizzato sulla sperimentazione integrazioni di dati di un'applicazione in molti dispositivi diversi, piuttosto che test di più, applicazioni specifiche del dispositivo su più dispositivi (in qualche modo simile alla transizione al design reattivo sul Web).

C'è un negozio per la home page di Google e un negozio per Google azioni, di Google Voice-First e Voice-Solo i canali, ma questi probabilmente si fondono nello stesso negozio - forse quando il cellulare-primo indice completamente lancia, ma più probabilmente subito dopo. Ci si può aspettare un eventuale convergenza di punti vendita mobile e desktop app, sistemi operativi e le utilità di ricerca, anche se questo non sarà tutto completato o addirittura avviato nel 2018. E 'solo le cose che direzione stanno andando.

Abbiamo già visto che questo accada in alcuni luoghi. La convergenza tra mobile e desktop è più evidente quando si guardano le modifiche che si sono verificati in Windows 10. Il desktop di OS incorpora un app store e sembra molto più simile a un telefono Android, tra cui anche widget personalizzabili nelle schermate “Start”. Microsoft ha annunciato proprio questo mese che Operai, le notifiche push e cache locale saranno tutti essere abilitato anche per impostazione predefinita in nuovo browser bordo di Microsoft, che è destinato sia per desktop e mobile.

PWA e le applicazioni Android sono già disponibili in App Store di Windows, il che significa che PWA sono già disponibili e in parte utilizzabili su desktop. In quella stessa vena, Microsoft ha reso un punto di fare alcuni dei software top, come Outlook, Excel e Word, disponibile su dispositivi Android, senza una licenza.

Ci sono anche indicazioni che Google possa iniziare a testare classifiche App pack sponsorizzati. Dal momento che le classifiche App Confezione accadono nella SERP regolare, piuttosto che un app store, questo potrebbe essere importante per il desktop, anche. Poiché le aziende iniziano a rendersi conto di quanto PWA utile sono, avranno un vantaggio visivo rispetto agli altri risultati sponsorizzati sia su mobile e desktop.

Google e Microsoft / Windows sono sempre stati più disposti a coesistere senza giardini recintati, mentre Apple ha sempre appoggiato verso prodotti proprietari e di accesso. Se Safari Mobile supporterà PWA e Operai, allora può anche essere vero per la versione desktop di Safari, il che significa che la linea tra mobile e desktop sarà la fusione in Apple universo più grande, anche. Il MacOS ha un proprio app store per molto tempo, ma le squadre di Apple, come i team Android e Windows, hanno anche riferito che essi saranno fondendo i negozi MacOS e iOS in una sola nel 2018.

Questo cross-device, il modello voice- e il cloud-oriented è già stato perseguito con l'integrazione di Cortana in Windows 10, in cui le app store mobili e desktop sono già fuse. Allo stesso modo, Siri, Safari e il lavoro Spotlight cross-device ad affiorare le app e siti web, e Google ha aggiunto la ricerca vocale sul desktop - ma hanno entrambi ancora spingere veramente l'assistente del davanti e al centro come mezzo di emersione che app e web contenuti su tutti i dispositivi.

Ci sono state voci che sarebbe anche essere disponibili in App Store di Windows app iOS, ma che sembra che è caduto attraverso, almeno in termini di pianificazione 2018. Invece, Apple potrebbe aver deciso di estendere o unire il proprio iOS App Store con l'versione desktop del negozio e potrebbe anche aver deciso di includere PWA per l'esperienza desktop.

L'ultima cosa a cui prestare attenzione a questa tendenza è modifiche con Accelerated mobile Pagine (AMP). AMP è stato progettato per rendere le pagine web veloce e mobile-friendly, e anche se queste pagine avanzate possono lavorare su desktop e probabilmente potrebbero integrarsi facilmente con la voce, Google ha riferito lottato per integrarli nel mobile-primo indice. Mentre lo fa fornire un sacco di vantaggi, AMP probabilmente dovrà fare grandi cambiamenti o di fronte a una resa dei conti nel 2018. Ci sono ancora notevoli problemi che devono essere risolti in termini di UX e misurazione.

Maggiore dipendenza dalle strutturati markup dei dati in più luoghi

L'ultima cosa da guardare per nel 2018 è spinta di Google per i webmaster per marcare a tutto con i dati strutturati, compresi i profili sociali, le informazioni di contatto aziendali, libri, eventi, corsi e fatti. dati strutturati, e in particolare markup che viene formattato in JSON-LD per una miglior comprensione semantica, è ciò che consente a Google di capire “le entità.” (Il “LD” in JSON-LD è sinonimo di dati collegati.)

Sappiamo che i dati strutturati sarà un grosso problema, perché aiuta Google a capire cosa sta succedendo, senza dover contare così pesantemente sulla scansione e l'analisi di tutti i contenuti sul web - che è diventato un lavoro abbastanza monumentale senza fine in vista. Questo è il motivo per cui Google è passato a richiedere i dati più ricchi di patrimonio in formato JSON-LD, tra cui Google Azione markup, manifesta web-app, ed i file salvati dai lavoratori di servizio.

L'anno scorso, prima di Google I / O, Google ha fatto un grande punto di creare uno strumento di test di dati strutturati che ha dato istruzioni di attuazione specifiche per una varietà di diversi tipi di markup. I tipi di schema incluso lì, non a caso, sono specificamente buoni per le interazioni con Home page di Google, Google Assistant e Chromecast - cose come ristoranti, prenotazioni, piani di viaggio, musica, TV, film e ricette.

Contenuto che è ben segnalato con dati strutturati può essere facilmente analizzato e presentato su dispositivi non tradizionali attraverso la ricerca vocale e l'interazione (come con Google Assistant, Home page di Google, Android Auto). Questo è anche un grosso problema per i non-prodotti Google come Amazon Alexa, Siri, Fitbit (che ha lanciato le proprie Apps Partner specifici del sistema operativo) e telecomandi TV voice-enabled.

L'unica cosa nella documentazione dati strutturati di Google che non ha ottenuto la dovuta attenzione è il database o il set di dati di markup (ad esempio, le istruzioni su come aggiungere il markup dei dati strutturati al database). Database non necessariamente hanno URL o bisogno siti web, e questo è fondamentale per la teoria che il mobile primo indice non richiederà URL per l'indicizzazione e che si baserà su schemi e comprensione entità.

Diamo un'occhiata a un esempio di come il markup è la creazione di comprensione “entità”. Qui di seguito, è possibile vedere un risultato di ricerca per un avvio specifica. Invece di mostrare tutti i luoghi web dove si potrebbe trovare che avvio, Google ha aggregato in un programma di utilità che può dare agli utenti molte più informazioni direttamente dalla SERP.

Il risultato mostra il nome completo dello stivale, così come quello che i negozi hanno in magazzino ea quali prezzi. Essa mostra anche i feedback stelle per l'avvio e mi permette di attivare o disattivare a diverse dimensioni e colori. Se clicco le schede, posso vedere ulteriori dettagli sul caricamento del sistema e leggere recensioni che sono state aggregate da tutti i luoghi che lo vendono. Dal momento che questa informazione è un'aggregazione di informazioni provenienti da tutto il web, in realtà non ha un URL statico, così Google include un collegamento triangolo “share” in modo che l'aggregazione in sé può essere condiviso.

Questa funzionalità di condivisione è qualcosa che si può aspettare di vedere molto di più di un mobile prima indicizzazione. Si tratta di un'indicazione che Google vede un argomento come entità, e quindi ha memorizzato, aggregate o assimilato informazioni sul tema nel suo complesso (l'entità). collegamenti dinamici sono i link che Google genera al volo, per il contenuto che si capisce, ma questo non significa, naturalmente, avere un URL.

E 'importante ricordare che molto prima (senza successo) tentativo di Google di incoraggiare App deep-linking dinamico utilizzato Link, come parte di Google Now On-Tap. Poi, sono stati utilizzati come collegamento unificato che univa lo stesso pezzo di contenuti sul web, in un app iOS e in un app Android. Hanno permesso un collegamento per attivare la giusta esperienza su qualsiasi dispositivo, e se l'applicazione appropriata non è stato installato, il link sarebbe caduta di nuovo alla versione web del contenuto. Ora, link dinamici sono ancora inclusi come una parte importante della piattaforma di app indicizzazione di Google, Firebase.

Nel prossimo Nell'esempio qui sotto, si può vedere come i dati collegati aiuta a sostenere entità comprensione in un risultato di ricerca. La query è per un autore popolare, in modo che il risultato mostra immagini e una breve biografia in cima. Ci sono solo piccole differenze tra il Google Now risultato e il risultato Web di Google - uno ha un link di condivisione dinamica, e l'altro offre la possibilità di “seguire” l'entità o concetto.

In entrambi, il risultato aggrega informazioni quali citazioni e filmati attribuiti all'autore, elenca le influenze e link a una pagina di Wikipedia. Sotto di esso, Google visualizza un carosello dei suoi libri più famosi, con le immagini di copertina e la data sono venuti fuori. Sotto di esso, mostra un “popolo cercato anche per” giostra, che è piena di autori che scrivono dello stesso genere.

Riteniamo che Google sta utilizzando clic su questi due caroselli fondo per verificare e controllare i dati collegati che ha assimilato su questo autore. I clic in più un elemento carosello ottiene, tanto più è probabile è legata al tema della query.

Un nuovo modo di pensare mobile prima indicizzazione

Conoscendo queste tendenze dovrebbe aiutare a capire come il mobile-first indicizzazione si inserisce nel quadro più ampio di SEO. L'inclusione del termine “indicizzazione” nel titolo ufficiale di Google per l'aggiornamento sta dicendo. Indica che questo non è solo un aggiornamento algoritmo, ma un aggiornamento all'architettura fondamentale e organizzazione del sistema. Ricordate, un “indice” è solo un archivio di informazioni ordinato che è facile da interrogare o di ricerca. Gli indici possono essere creati per tutti i diversi tipi di informazioni e ordinati in una varietà di modi: in ordine alfabetico, numerico, o nel caso di Google, storicamente basata su URL.

Dal momento che le applicazioni native e applicazioni web progressisti non richiedono URL diversi per mostrare contenuti diversi, riteniamo che il metodo di indicizzazione e contenuti organizzazione deve cambiare. Costringendo gli URL in queste nuove tecnologie si è rivelato insostenibile, così Google ha bisogno di un nuovo indice - e sarà uno che preferisce contenuti “portatile” che vive nella nuvola ed è ben segnalato con dati strutturati. Probabilmente sarà un “indice entità” sulla base di univoci “concetti di entità” che includono domini (con URL), entità app native e il loro contenuto, enti PWA e le entità di database che non hanno bisogno di elementi di design a tutti.

L'uso della frase “Mobile-prima” nel nome è anche interessante. Con entrambi l'aggiornamento per i dispositivi mobili e mobile-first indicizzazione, Google repurposes frasi che sono stati utilizzati in precedenza per descrivere elementi di design - ma in entrambi, Google si è concentrato principalmente sul back-end tecnologico che ha reso possibile la modifica di progettazione. Per l'aggiornamento per i dispositivi mobili, Google ha fornito linee guida su come il contenuto dovrebbe apparire sulla pagina, ma in base al loro strumento di test, il loro obiettivo principale è stato davvero sulla possibilità di scansione del file dipendenti sul sito (in particolare, il CSS e JavaScript).

L'aggiornamento per i dispositivi mobili è un importante precursore al mobile-first indicizzazione perché ha dato Google quello che è necessario per alimentare e formare i suoi programmi di apprendimento della macchina su come dovrebbero ingerire e interpretare JavaScript. Come SEO, tutti noi sopportato l'aggiornamento per i dispositivi mobili, che ha preferito i siti che si sono qualificate come tale e li ha rilasciati con l'icona di un mobile-friendly quando sono apparsi nei risultati di ricerca.

Allo stesso modo, la frase “mobile prima” è stato originariamente utilizzato per descrivere un principio di design in cui responsive quadri Website Design sono stati stabiliti con gli elementi più essenziali di funzionalità prima, e queste sono state significato per i dispositivi mobili con schermi più piccoli. Solo più tardi sono stati i progettisti in grado di aggiungere in altri elementi, meno necessari della progettazione e UX per i dispositivi più grandi-screening che hanno avuto più spazio.

Ora sembra che Google ha anche cooptato il termine “mobile prima” per significare qualcosa di leggermente diverso, con implicazioni che sono molto più grandi di un semplice design. Piuttosto che concentrarsi su dispositivi mobili e dimensioni dello schermo, Google metterà l'accento sull'accessibilità dei contenuti e la nuvola e concentrarsi molto meno sulla presentazione.

Questa è una tendenza importante, perché “la nuvola” è dove Google si è concentrata la maggior parte del loro tempo ed energia innovativa. Contenuti che è ospitato nella nuvola, senza essere formattati appositamente per qualsiasi dispositivo, è esattamente quello che sono dopo; è il più facile per loro di elaborare con AI e il più facile per loro di visualizzare di nuovo su qualsiasi schermo (o leggere ad alta voce, a voce sola contesti). È qui che Google Now e Google Assistant entrano.

Google Now è stato il primo tentativo di Google in un motore di ricerca predittiva che anticipa le query prima che un utente anche loro presentato. Ha usato tutte le informazioni che conosceva o poteva rilevare circa le vostre abitudini di anticipare l'informazione che si vorrebbe e visualizzato in un'interfaccia a sinistra della schermata iniziale sui telefoni Android. E 'stato anche disponibile come App di Google su iOS, ma non era mai buono dal momento che non erano in grado di aggregare il maggior numero di abitudini e preferenze personali da parte degli utenti iOS. Google Now inclusa una funzionalità di ricerca vocale, ma semplicemente tradotto interrogazioni vocali in testo.

Ci sono differenze minime nella maggior parte delle classifiche di ricerca quando si confronta ricerca normale in Google.com e una ricerca in Google Now. Le principali differenze si verificano quando c'è una PWA disponibile (come il tempo PWA). Ci sono anche alcune piccole variazioni nella “condivisione” e “seguire” la funzionalità, che probabilmente accenna anche cosa aspettarsi nel mobile prima indicizzazione. È possibile vedere le differenze di seguito.

Google Assistant è un po 'più sofisticato nel senso che a volte può rispondere a domande semplici direttamente piuttosto che restituire un risultato di ricerca. Esso utilizza anche i segnali passivi e attivi su un utente per assicurarsi che sta dando le informazioni più accurate e utili possibile. Google Assistant è l'elemento critico di un dispositivo Home page di Google, che opera principalmente con la voce, ma può lanciare risultati per televisori o telefoni collegati, se è richiesto recensione visivo.

Google Now e Google Assistant sono precursori evidenti per l'indicizzazione mobile prima e ci danno una grande quantità di comprensione cosa aspettarsi. I due utilità sono molto simili e possono essere facilmente combinati per dispositivi mobili prima indicizzazione. Uno dei più forti specializzazioni di questa idea è che Google ha recentemente ottenuto molto più aggressiva a spingere gli utenti Android in Google Now / mondo Assistente Google. Hanno spostato la barra di query dall'interfaccia Google Now (un colpo a sinistra della schermata principale del telefono) per il layout standard (accessibile su tutte le versioni della schermata iniziale).

La nuova barra di ricerca dice solo “Google”, quindi la maggior parte degli utenti non si renderanno conto che accedono un'esperienza diversa là che nella versione web-oriented di Google (google.com).

più recente post sul blog di Google su mobile-primo indice in realtà non aggiunge nulla di nuovo per l'equazione, così la nostra ipotesi migliore è ancora che il nuovo indice sarà probabilmente anche appoggiarsi pesantemente sulla comprensione semantica esistente di Google del web (che si basa su Knowledge Graph e la sua integrazione storica e accumulo di Freebase). Sarà anche possibile utilizzare carte e intelligenza artificiale, come siamo abituati a vedere in Google Now. Questo concetto è sostenuta da ritiro di Google del termine “rich snippet” e il lancio del nuovo Risultati Rich strumento di test il 19 dicembre.

L'immagine sotto mostra i diversi metodi di Google sta usando per comunicare l'Assistente di Google sulle preferenze di un singolo utente, che contribuirà ulteriormente personalizzare i risultati di ricerca individuali. Ma questo dato potrebbe anche essere aggregato - in un certo senso “Big Data” - per determinare i modelli più grandi, le esigenze e le tendenze di ricerca in modo che possa adattarsi più rapidamente.

Sulla sinistra, si può vedere un Google Cloud Search, che riunisce le informazioni circa le attività su tutti i miei dispositivi che sono connessi a un account Google. Questo include messaggi di posta elettronica, voci di calendario, documenti Drive, foto, SMS e applicazioni. Anche se questo non è stato al centro di qualsivoglia attività di marketing di Google, che fa parte del pacchetto di affari GSuite di Google, che è attivata per impostazione predefinita per tutti gli utenti GSuite.

Sulla destra, si può vedere la Google My Activity tracker. Questa è un'altra caratteristica che è attivata per impostazione predefinita. E 'simile alla funzione di ricerca Nube, ma invece di essere solo un database di ricerca, organizza le informazioni in ordine cronologico. Si rompe la mia attività quotidiana su una linea temporale e una mappa. I dati includono la quantità di tempo che ho trascorso a camminare e guidare. Essa mostra anche le aziende che ho visitato e le volte sono stato lì. Esso pone anche foto che ho preso sulla timeline e li associa con i luoghi in cui sono state scattate le immagini.

Gli elementi di questo tipo hanno lo scopo di aiutare Google Assistant hanno una maggiore comprensione del contesto personale in modo che possa rispondere quando emersione risultati di ricerca, sia per una ricerca esplicita o ad un anticipato desidera o necessità (ad esempio, Google Now).

Nel lungo periodo, Google Assistant può essere la nuova voce di ricerca di Google su tutti i dispositivi, costringendo le persone di accedere in modo che il loro stato e la storia può essere mantenuta tra dispositivi diversi, e in modo che una storia personale e l'indice possono essere sviluppati e costruiti per ogni utente. L'inizio di questo indice storia personale è già in Google Now per gli utenti Android. Esso utilizza apprendimento automatico attiva e passiva per tenere traccia e compilare tutte le attività cross-device di un utente in Google Cloud, poi traduce le informazioni in bisogni previsti in Google Now.

Google ha già iniziato la promozione di un “one-click registrarsi e formare‘completo’e‘one-click in segno-’che funziona e trasferisce le credenziali attraverso diversi dispositivi. Questa funzionalità è attualmente tutto reso possibile da API Gestione credenziali di Google, il che significa che si basa su uno “stato” cloud-hosted condivisi gestito dal coordinamento degli Operai locali che passano i cambiamenti di stato per l'account Google cloud-hosted. Se e quando questo si toglie, sarà un vantaggio enorme per l'impegno e la conversione di e-commerce perché elimina l'attrito principale.

Conclusione

Da una ricerca prospettica, i dati che vive in uno Stato, indipendentemente dal dispositivo, è grande - ma assimilando tutti i diversi tipi di risultati di ricerca potenziali in un indice è difficile. Il nuovo cellulare-primo indice si mescolano siti web con applicazioni, PWA ed altre serie di dati che non hanno tutti gli URL, quindi questo è dove strutturato markup dei dati verrà in.

Proprio come sistemi di pubblicità profilo individuale utenti con le impronte digitali dei dispositivi, Google dovrà organizzare il nuovo indice con identificatori univoci simili, che includerà gli URL e URI web app. Ma, per i contenuti che non ha un codice identificativo unico esistente, come una pagina nel profondo di un'esperienza PWA o di un bene in un database, Google permetterà “Dynamic Link” stare in quanto il loro identificatore unico modo che possano essere indicizzati.


Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell'autore del cliente e non necessariamente Search Engine Land. Autori del personale sono elencate qui.