Qual è il tuo peggior timore di scrittura? Dread e trepidazione dalla nostra redazione

Alcuni degli scrittori di maggior talento sono alcuni dei goblin più strane che corrono intorno alla testa durante il processo di scrittura.

A+ A-

I timori di Scrittura - Tavola rotonda Editoriale

Sembra abbastanza semplice. Noi esseri umani siamo creature innato verbali. La scrittura è solo prendendo il linguaggio che sogniamo, pensiamo, e parlare in, e organizzare le parole su un foglio di carta o di uno schermo di computer.

Allora perché è così difficile a volte?

Penso che sia perché gli stessi cervelli creativi che ci ha dato di Harry Potter, Sogno di una notte di mezza estate, e The Matrix sono anche diabolicamente abile a sognare scenari orribili che la nostra scrittura ci porterà a.

Vergogna. Disonore. Shunning. Esilio.

E questo è solo dal mescolando la vostra e siete.

E 'spesso mi ha colpito che alcuni degli scrittori di maggior talento sono alcuni dei goblin più strane che corrono intorno alla testa durante il processo di scrittura.

Quindi, in onore di Halloween, ho pensato che sarebbe stato divertente per chiedere al team sui loro più profondi, più cupe paure di scrittura per la nostra tavola rotonda ottobre.

Ecco quello che si avvicinò con.

Stefanie Flaxman, redattore capo

La scorsa settimana, in 21 Produttività Hacks da 21 prolific scrittori, Kelton ha condiviso una citazione da Kevin Kelly con noi:

“... In modo che significa scrivere cose che non verrà utilizzato, ma devo passare attraverso il processo.

“Questo è doloroso perché quando scrivo di solito non è molto buona. So che non sto dicendo nulla di nuovo ... ci si sente come se fossi inadeguata ... le solite paure che gli artisti hanno. 'Io non sono molto bravo in questo.'”

Ho in risonanza con quello, ma penso che sia una grande paura di avere perché mostra siete in grado di guardare il vostro lavoro obiettivamente - di avere un occhio critico e non sono innamorato di tutto ciò che si crea.

Quando mi sono preoccupato qualcosa che sto scrivendo non è originale, che è il più delle volte, mi spinge ad essere più creativi e aggiungere più della mia voce al tema.

Chris Garrett, direttore digitale

La mia paura è basato intorno la mia solita ansia di essere giudicati, sindrome dell'impostore, fallimento, ecc Io ho zero timori circa il lavoro di scrittura - è altre persone lettura che è la mia paura.

BTW il mio timore è aumentato 1000 per cento quando sono entrato Copyblogger.

Nota editoriale: Aw! Siamo spiacenti che ti spaventa, Chris. Pensiamo che sei onde e amiamo i tuoi messaggi incredibilmente utili.

Kim Clark, VP delle operazioni

Kim ha scritto un sacco di contenuti interni in questi giorni per la nostra intranet aziendale.

Perché non ho mai avuto un lavoro di scrittura, mi sentivo come se non aveva il diritto di essere chiamato uno “scrittore”. Quale esperienza o autorità mi ha dato la possibilità di scrivere?

Così, quando ho iniziato a scrivere i post intranet, mi sono sentito come tutti li odiano. Ero felice che Stefanie e Jerod li avrebbero modificare, quella era la mia coperta di sicurezza. Ma poi come ho continuato, ho guadagnato più fiducia. Ero così orgoglioso di me stesso.

Quindi non c'è bisogno sempre di essere un editore o uno scrittore per ottenere bravo a scrivere. Penso che più si effettivamente fare, meglio e più facile diventa. Come la vostra fiducia cresce e la paura svanisce, basta avere una migliore.

(Anche procuratevi uno Stefanie se potete.)

Loryn Thompson, analista di dati

La paura di mediocrità è una grande per me. Come si fa a mantenere la tua scrittura da miscelazione per la folla, soprattutto perché è più facile che mai per chiunque di condividere la loro scrittura? La diversità e la democratizzazione della scrittura è una cosa meravigliosa, ma aggiunge sicuramente qualche ansia a livello individuale, almeno per me.

E, naturalmente, la sindrome di impostore. Ogni volta che sto scrivendo per insegnare (se si tratta di andare in moto o analisi dei dati web di dati), devo combattere la voglia di qualificare tutto ciò che dico con il fatto che io sono un newbie relativo. Non è una brutta cosa per far conoscere il tuo background, ma non si può lasciare che minare il vostro messaggio.

Kelton Reid, VP di produzione multimediale

Ho questa paura ridicola che il linguaggio in generale, ma soprattutto le parole che riesco a ottenere sulla pagina, improvvisamente diventato arbitraria o ambigui, come il codice incomprensibile in qualche enorme matrice che nessuno potrà mai capire, tanto meno leggere.

Immaginate di scrivere la vostra vasta tesi di laurea per un corso di laurea, poi imparare che aveva scritto in una lingua estinta che nessuno avrebbe potuto tradurre. Abbastanza pazzo ... o è?

Sonia Simone, direttore dei contenuti

Mi sembra di spendere gran parte della mia vita professionale viene terrorizzato di cose, ma probabilmente la mia più grande paura scrittura è essere sbagliato su internet.

Prendo tutto ciò che scrivo in linea (a volte fino al tweet e post di Facebook) attraverso round dopo round di auto-interrogazione. È vero? E 'utile? Perché credo che? È la prova per esso convincente? Ha l'altro lato hanno un punto?

Forse l'opera risultante colpisce alcune persone come Ambien verbale. (Hey, insonni, se si pensa la mia scrittura è soporifera, si dovrebbe ascoltare i miei podcast!) Ma sono stato abbastanza in linea a lungo per mettere correttamente il piede in più di una volta, e ho messo una buona dose di sforzo nel rendere sicuro di poter stare a quello che dico e scrivere.

E tu?

Hai qualche timore dispari o ansie quando ci si siede a scrivere?

Condividili nei commenti! Essa vi aiuterà a ottenere più coraggioso, e sarete lasciate che i vostri colleghi scrittori sanno che non sono soli.